Pregare la Parola

VI DOMENICA di PASQUA . 6 maggio

SECONDA LETTURA: 1Giovanni 4,7-10

Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l'amore è da Dio: chiunque ama è generato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore. In questo si è manifestato l'amore di Dio per noi: Dio ha mandato il suo unigenito Figlio nel mondo, perché noi avessimo la vita per lui. In questo sta l'amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati.

 

Con questi versetti inizia la grande riflessione sulla carità (4,7-5,3) che segna il culmine della prima lettera di Giovanni.  Dio è la sorgente dell’amore. Di conseguenza, chi da questa sorgente è scaturito e ad essa resta unito (v. 7) vive di amore e diffonde amore. Ecco allora perché amore di Dio e amore fraterno sono un’unica e medesima realtà. Al contrario, non può dire di conoscere Dio chi non gli è conforme nell’amare (v. 8; cfr. vv 20s.). “Dio è amore”: questa rivelazione del volto di Dio non è un’affermazione speculativa, ma l’esperienza di una storia di cui Giovanni è testimone diretto (1,1-4), e ogni credente lo diviene (1,3), entrando nella comunione ecclesiale, come pure nell’intimo del proprio cuore, l’amore non è una realtà da spiegare. Dio ha rivelato di essere amore attraverso il suo agire, attraverso la ‘smisurata carità’ che lo ha portato a donare all’uomo il suo stesso unico – sinonimo di dilettissimo – Figlio, il quale a sua volta ha donato la propria vita espiando con la morte il peccato dell’uomo. La sua offerta è davvero come il seme che, caduto in terra, produce molto frutto. La liberazione dalla schiavitù del peccato non solo riporta l’uomo all’originaria innocenza, ma, molto di più, lo apre alla vita di comunione con Dio, lo rende ‘capace’ di essere dimora di Dio. Il Figlio diletto, che si trova in una relazione unica con il Padre, è stato da lui inviato per introdurci nell’ineffabile circolazione di carità che lega, nella Santissima Trinità, Padre, Figlio e Spirito. Se con l’incarnazione il Verbo, che era nel seno del Padre, è venuto nel mondo a rivelare Dio, con la risurrezione, l’uomo, che era lontano da Dio, è ricondotto nel suo seno, reso figlio nel Figlio.

Il punto

LA SCELTA del PADRINO o MADRINA

La questione dei padrini o madrine nei sacramenti del battesimo e della cresima interseca diverse dimensioni.

A far discutere di più e senz'altro il nodo dell'idoneità della persona scelta dalla famiglia per affiancare nel cammino di crescita cristiana il proprio figlio o figlia.

Leggi tutto...

SPOSI nel SIGNORE. Indicazioni per vivere cristianamente il proprio matrimonio

Da tempo si avvertiva l'esigenza di darsi, come parrocchie della Collaborazione Pastorale dell'Alta Padovana, delle linee comuni circa la preparazione e celebrazione dei matrimoni.

Leggi tutto...

I GIORNI DEL LUTTO. Per celebrare cristianamente le esequie

Sono stati pubblicati gli orientamenti che la nostra Collaborazione Pastorale si è data circa la preparazione e celebrazione dei funerali.

Leggi tutto...

& Avvisi

BENVENUTA, AURORA!

L'8 maggio è nata AURORA!

Congratulazioni a mamma Denise e papà Michele!

BENVENUTA, GIOIA!

Il 4 maggio è nata GIOIA!

Congratulazioni a mamma Alice e papà Michele!

MAGGIO 2018 . CALENDARIO

Nella sezione "Calendario" si può scaricare il programma della recita del Santo Rosario e della celebrazione delle Sante Messe nelle contrade.

SS. MESSE nei CIMITERI

ABBAZIA, giovedì 17 maggio, ore 19.00

BORGHETTO, venerdì 18 maggio, ore 9.00

COMITATO SAGRA S. EUFEMIA 2018

Giovedì 17 maggio 2018, alle 20.45, in canonica ad Abbazia.

ISCRIZIONI SCUOLA dell'INFANZIA ABBAZIA - a. s. 2018-2019

Lunedì 22 e venerdì 26, dalle 9.30 alle 12.30. Successivamente su appuntamento (tel. 049.9325634).  Si informa che, secondo le indicazioni del Ministero dell’Istruzione , le iscrizioni non possono essere aperte prima del 16 gennaio 2018.