BUONA PASQUA

a cura di don Giuseppe

Cristo è morto per i nostri peccati, secondo le Scritture è stato sepolto è stato risuscitato il terzo giorno, secondo le Scritture è apparso a Pietro, quindi ai Dodici.

 

Che un morto ritorni a vivere, nel contesto biblico, non è una novità assoluta; ma non è questo che si vuole intendere con la resurrezione di Gesù, bensì il suo passaggio ad una forma di esistenza che ha lasciato la morte dietro di sé una volta per sempre (Rm 6,10) e quindi supera anche una volta per tutte, in Dio, i confini di questo mondo. La resurrezione è un evento senza corrispondenza alcuna nella storia. Questo avvenimento supera in maniera unica tutto il nostro mondo di vita e di morte, per aprirci, attraverso questa rottura, una nuova strada verso la vita eterna di Dio (H. U. von Balthasar).

 

La Pasqua ci ricorda l’amore che Dio ci ha donato. Nessuna distanza e niente nel creato potrà separarci dall’amore di Dio. Auguri, allora, perché ognuno di voi possa sentire la Sua onnipotente presenza in ogni momento della sua vita.

Buon cammino nella luce del risorto!

 don Giuseppe e don Diego

Torna indietro

Aggiungi un commento